Blade Runner, fra passato e futuro

Blade Runner, fra passato e futuro

CINEMA:

Prima di commentare “Blade Runner 2049” di Denis Villeneuve, uscito oggi nelle sale cinematografiche, ho rinfrescato la memoria con una visione privata di “Blade Runner”, il capolavoro di Ridley Scott .

Cosa distingue l’essere umano dal replicante? I ricordi ed il provare amore, che sembrano sentimenti  appannaggio unicamente del genere umano.  La pellicola del 1982 è considerata ancora oggi un capolavoro assoluto tra i film di fantascienza. Sono pienamente d’accordo; è stata la prima pellicola a coniare il termine romanticismo fantascientifico e a disconoscere quella visione in base alla quale i sentimenti non possono appartenere alle A.I. (Intelligenze Artificiali) create a immagine e somiglianza dell’uomo.  In fondo cosa desidera ogni essere vivente, sia esso interamente umano o comunque dotato della medesima intelligenza, se non conoscere “la propria data di scadenza”? Non desidera trasmettere ad altri il proprio retaggio, senza che questo si disperda, per citare una tra le più belle frasi del film, “come lacrime sotto la pioggia”? Il personaggio di Rachel replicante, ignara di esserlo fino al momento dell’incontro con il Blade Runner Harrison Ford, dimostra un candore di una tale portata da superare, a mio giudizio, la purezza di molti esseri umani. Quando Rachael si rende conto di essere una replicante non rifiuta affatto le esperienze umane, pregne  anche di sofferenze e delusioni (se fosse stata una replicante, nell’accezione più arcaica del termine, ovviamente non le avrebbe mai provate).

Un film da gustare fotogramma per fotogramma e parola per parola, tanto che solo ora, dopo 35 anni, arriva l’atteso sequel ovvero “Blade Runner 2049” del quale  vi parleremo prossimamente. Sarà difficile, ma forse non impossibile, eguagliare l’intensità e il pathos del primo lungometraggio fanta-psicologico che analizza in chiave postmoderna il più annoso dilemma dell’essere umano: la morte.

Francesca Ludovici

Immagine tratta da Google

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...