Fra’ Domenico e le cure naturali con le piante medicinali

Fra’ Domenico e le cure naturali con le piante medicinali

I CONSIGLI DI FRA’ DOMENICO:

“L’uomo, dagli albori della sua civiltà, ha presto scoperto i benefici delle cure naturali per i suoi malesseri; questi saperi si sono poi tramandati nel tempo e, in particolare, nei Monasteri, dove monaci e frati ne hanno fatto tesoro iniziando una proficua tradizione erboristica che li ha portati a coltivare le erbe medicamentose nei giardini dei conventi in cui vivevano, per loro stessi e per le persone che abitavano nei dintorni. La Certosa di Trisulti, con la sua storica farmacia, e Fra’ Domenico Maria Palombi sono l’emblema di una tradizione che dal Medioevo arriva fino ai giorni nostri e che ci dimostra quanto sia importante avere ancora tra noi questi “Maestri d’Erbe” che oltre alla passione trasmettono conoscenze che altrimenti andrebbero perdute”. Così scrive Clementina, l’ispiratrice dello speciale erbario sulle cicorie di cui vi abbiamo già parlato.

Quali consigli ci dispensa oggi il nostro Maestro d’Erbe?

Sulla conservazione. I principi attivi delle piante medicinali sono termolabili, e dunque i prodotti vanno conservati a temperature non elevate, al riparo dalla luce e assolutamente non in ambienti umidi. Soltanto così è garantita la perfetta conservazione dei medicamenti fino alla scadenza che deve essere indicata sul prodotto (di solito è di 1 anno), superata la quale, essendo prodotti naturali, perdono le loro proprietà. Le regole della buona conservazione devono essere ancora più rigorose se si tratta di erba sfuse, come la menta, la malva, la camomilla…mentre, se sono in confezioni sottovuoto, conservano inalterato il loro fitocomplesso all’incirca per tre anni e anche in questo caso la scadenza è (o dovrebbe essere) riportata sulla confezione.

La somministrazione. In genere, le piante medicinali si somministrano due tre volte durante la giornata. Ad esempio, quelle che aiutano a riacquistare tono ed energia non vanno prese di sera perché in alcuni casi possono disturbare il sonno. Quanto alla durata della cura, di solito si preferiscono cicli da ripetersi 20 giorni per ogni stagione. E’ bene ricordare che l’assunzione delle piante medicinali non comporta in nessun modo l’assuefazione.

Schiettezza e salute con i “succhi di ortaggi”. Sarebbe molto saggio tenere nella giusta considerazione anche i succhi di ortaggi. Esperienze valide ci garantiscono che questi succhi hanno qualità preventive, ricostituenti e curative veramente efficaci perché non hanno subito alcuna alterazione nel tempo. E, del resto, è logico che l’uomo tragga giovamento dalla cura naturale a base di succhi delle piante e degli ortaggi, poiché in tal modo ritrova e vive il nesso che lo lega alla sua corporeità. Il succo del cavolo verza, per esempio, aiuta la mucosa dello stomaco e dell’intestino a rigenerarsi più rapidamente. Si tratta di un rimedio naturale contro la gastrite e di un trattamento preventivo contro la formazione di ulcere. Una cura di succo non sostituisce affatto le cure mediche ma, per la sua grande ricchezza di elementi vitali, permette di conservare l’equilibrio normale dell’organismo.

Come si ottengono i succhi? Di solito le cure si fanno in primavera, cioè quando le piante sono verdi. Si prendono le foglie con gli steli, i fiori e si pestano con un pezzo di legno; si mettono in una pezzuola di lino o stoffa resistente e si spreme con forza. Il succo ricavato si bene con un po’ d’acqua preferibilmente a digiuno con del miele.

Fra’ Domenico

Immagine della Proloco di Veroli: la farmacia della Certosa di Trisulti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...